Condividi con gli amici
  • gplus
  • pinterest
Un italiano su due dichiara meno di 15.654 euro all'anno

Italiani quanto guadagnate, o meglio, quanto dichiarate? I dati raccolti dalle dichiarazioni dei redditi del 2012 e diffusi oggi dal ministero dell’Economia fotografano uno scenario ancora turbolento per le tasche dei cittadini del Belpaese. Anche se, grazie alla lieve crescita delle pensioni, c'è stata una leggera ripresa rispetto all'anno precedente. Numericamente parlando sono oltre 41,4 milioni i contribuenti che si sono messi in regola adempiendo all'obbligo dichiarativo. Un numero che fa registrare una leggera impennata (+0,2%) rispetto all'anno precedente. In riferimento a questi dati, il reddito medio non raggiunge la soglia dei 20mila euro, per la precisione 19.750 euro (lordi). Se però notiamo il reddito complessivo dichiarato dal contribuente mediano, che nei confronti della media non è influenzato da valori outlier, il valore scivola a 15.654 euro. Quindi metà dei contribuenti non oltrepassa questo valore. Il Ministero ha sottolineato che nel 2012 non hanno concorso alla formazione del reddito complessivo il reddito da abitazione principale ed i redditi fondiari di immobili non locati.

Cresce il divario tra ricchi e poveri considerato che il 5% dei contribuenti con i redditi più alti ha dichiarato il 22,7% del reddito complessivo. Inoltre non passa inosservato che il 90% degli italiani dichiara un reddito complessivo fino a 35.819 euro. Curioso però sottolineare come possediamo case all'estero per un valore complessivo di 23 miliardi di euro!

E a livello territoriale i dati cosa ci dicono? Che la Lombardia è la regione con il reddito medio complessivo più elevato (23.320 euro). In scia troviamo il Lazio (22.100 euro), mentre in fondo alla classifica c'è la Calabria con 14.170 euro. Le regioni del centro nel 2012 hanno registrato un reddito che è cresciuto inferiormente alla media nazionale.

I lavoratori autonomi sono quelli che riportano un reddito medio più elevato (36.070 euro), quello degli imprenditori (intesi come i titolari di ditte individuali non in forma societaria) è invece pari a 17.470 euro. Il reddito medio dichiarato dai lavoratori dipendenti raggiunge i 20.280 euro, quello riferito ai pensionati è 15.780 euro e, per finire, il reddito medio da partecipazione in società di persone ed assimilate è di 15.850 euro. Crescono dunque i redditi medi da pensione e da lavoro dipendente a differenza di quelli legati alle attività imprenditoriali.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Politica e politici: notizie sulla politica che si fa raccontare non rivendica alcuna paternità e proprietà.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.

Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Autore

La Redazione

La Redazione

La redazione di Politica e Politici ricerca ogni giorno le principali notizie al fine di narrare con cura di particolari gli avvenimenti della politica italiana e non solo.

Commenti

Aggiungi un Commento

Lunghezza massima 2000 caratteri