Condividi con gli amici
  • gplus
  • pinterest
La disoccupazione in Italia vola al 13%

Continua l'allarme disoccupazione in Italia. Nel mese di febbraio il dato è schizzato al 13% con un incremento del +1,1% rispetto al 2013. Numeri che parlano chiaro e che imporranno al premier Renzi una brusca accelerazione sulle tematiche del lavoro. Anche perché su base annua l'aumento del tasso di disoccupazione è più basso solamente a nazioni come Cipro (passato dal 14,7% al 16,7%) e Grecia (dal 26,3% al 27,5%). Allarmante, e non è una novità, il dato sulla disoccupazione giovanile con 678mila ragazzi alla ricerca di un impiego. Il tasso di disoccupazione per questa fascia di riferimento è rimasto praticamente invariato se confrontato al mese precedente (è calato di un solo decimale) ma è salito del 4,2% rispetto al 2013.

Il premier Renzi ha commentato questi dati come "sconvolgenti. Dobbiamo correre". Il governo presenterà la prossima settimana il Def (la legge finanziaria) e una legge delega sul lavoro. Ma se l'Italia non ride anche il continente europeo non se la passa benissimo. La disoccupazione nell'Eurozona rimane a febbraio ferma all'11,9% ovvero un decimale più bassa rispetto allo stesso periodo di riferimento un anno fa.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Politica e politici: notizie sulla politica che si fa raccontare non rivendica alcuna paternità e proprietà.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.

Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Autore

La Redazione

La Redazione

La redazione di Politica e Politici ricerca ogni giorno le principali notizie al fine di narrare con cura di particolari gli avvenimenti della politica italiana e non solo.

Commenti

Aggiungi un Commento

Lunghezza massima 2000 caratteri